domenica 5 marzo 2017

aerografia libera

Dopo tanti anni di aerografia classica, dopo aver aerografato di tutto, dai motorini alle moto, dalle tazze da cesso ai cellulari, dopo ritratti e illustrazioni varie, ogni tanto si sente il bisogno di svariare un poco, di poter liberare la mente dalle barriere che ci siamo costruiti,  allora si stacca, si prende una tela e la si ricicla dal vecchio disegno, poi si comincia a fare qualche linea, qualche macchia quà e là,  un pò di rosso, un pò di blu, e piano piano cominci a delineare qualche cosa.  vai libero, senza schemi, senza regole, e cominci a divertirti.  pensi, mentre vai avanti, di fare delle nuvole, mi sono sempre piaciute le nuvole, ed allora aggiungi dei toni più scuri, poi schiarisci di quà, e ri-scurisci di là,  e le nuvole ad un certo punto, diventano dei fumi, allora aumenti il blu sotto, inserisci un pò di rosa in alto, e continui ad andare, senza sapere cosa stai facendo.  alla fine, esce fuori qualcosa, non sò cosa, non importa...non è ben fatto, non è curato, ma non importa.  oggi mi andava così!
aerografia su tela, colori acrilici





Nessun commento:

Posta un commento