lunedì 30 aprile 2018

INIZIARE BENE UN DISEGNO AD AEROGRAFO – parte 3


Partendo dai metodi principali e più conosciuti, ogni artista ha poi sviluppato un proprio sistema per riportare l’immagine sul suo supporto, sistema che ha adattato alle sue esigenze. Il seguente, è quello che io ho sviluppato mischiando varie idee, e con cui mi trovo molto bene. Come ogni sistema, ha i suoi vantaggi ed i suoi svantaggi. Credo sia molto buono, anche se và applicato su superfici piane e non molto grandi, tipo cartoncino, tela da pittura pannelli in legno o metallo ed anche tshirt.



1-Prima cosa, una stampa digitale a colori su cartoncino del file nella misura esatta del foglio da disegno. Ci sono negozi che lavorano con queste cose, fotocopie, stampe su tshirt, cuscini, rilegature ..e posseggono macchine per stampe digitali anche in formati molto grandi. Poter aerografare un disegno in cm.50x70  o 35x50 aiuta moltissimo l’apprendimento di questa tecnica, molto di più che lavorare come ho visto molte volte su formati di 20x30 cm, troppo piccoli per chi ancora non è padrone dello strumento.



                                                     stampe digitali su cartoncino in formato cm.40x60        

         
                                                     lavoro in esecuzione con stampa digitale



2- Uso un cartoncino molto pesante, su cui creo una cornice lungo i bordi e che maschero con un film adesivo e trasparente della ditta “TESA”, una sorta di frisket adesivo per aerografia, ma dal costo molto più contenuto.   In questo modo, a disegno finito,  la cornice bianca attorno al disegno, impreziosirà il tutto. Questo materiale, con una bassa adesività, potete trovarlo nei negozi di vernici o ferramenta, viene usato per proteggere vetrate o mobili durante le lavorazioni.





3- Mi sono procurato presso dei fioristi, alcuni metri di acetato trasparente, un film con cui loro incartano fiori e piante. Questo film mi serve per ricalcare la stampa digitale. E’ facile da reperire, e a disegno finito basta un  panno umido di alcool per cancellare tutto e riavere il film pulito come prima.



4- Posiziono l’acetato trasparente sopra la stampa digitale e ricalco con un pennarello nero a punta molto fine, tutto quello che mi serve per riportare l’immagine sulla carta.





5- Ora mi procuro un foglio di carta da lucido, sono fogli o rotoli di carta translucida, quasi opaca, su cui geometri o tecnici un tempo disegnavano con chine, i loro elaborati. Si usano anche nelle scuole professionali, e potete reperirli in cartoleria o negozi di belle arti.




6- Ora posiziono la carta da lucido sopra l’acetato trasparente e ricalco nuovamente tutto il disegno fatto



                         Questo è il risultato finale, tutto è stato riportato sulla carta da lucido.




7- Sono quasi pronto. Appoggio il ricalco sopra il mio cartoncino e lo fisso con del nastro di carta, solamente su due lati, questo perché ho bisogno di lati liberi per inserire sotto il lucido,un cartoncino pesante o un tappetino di linoleum, dato che dovrò intagliare il lucido, e non voglio tagliare anche il cartoncino.

nastro da carrozziere o di carta
tappetino di linoleum per incisione
serie di bisturi o coltellini da intaglio






8- La preparazione è finita. Possiamo cominciare ad intagliare le varie aree corrispondenti ai vari colori. Usate un bisturi da intaglio con una lama nuova. Se lavorate con trasparenti, cominciate con le aree scure, se invece li avete opachi(coprenti), cominciate con le zone chiare. Praticamente comincio ad aerografare avanzando come un puzzle, pezzo per pezzo, intagliando e spruzzando….La lavorazione è piuttosto laboriosa, e la spiegherò in altri post


Nessun commento:

Posta un commento